Vai al contenuto

Trading System Modificati Geneticamente

Stiamo vivendo settimane concitate, con i mercati che si muovono con notevole volatilità, con impulsi direzionali molto bruschi. Questo status si traduce in un maggior rischio per operazione, che possiamo percepire come la probabilità che la nostra barca possa ribaltarsi in un mare in tempesta. Questa eventualità è tanto più possibile quanto più le condizioni di mare diventano proibitive e quanto meno la nostra barca abbia caratteristiche di tenuta.

Come sempre accade, esiste anche il dritto della medaglia, ossia la possibilità che quella stessa volatilità possa agevolare grandi guadagni, facendo planare sulle onde, per così dire, la nostra imbarcazione. 
Si tratta di tempeste particolarmente violente, che colpiscono i mercati poche volte durante ogni decennio. Qualcuno ogni volta giura che si tratti di qualcosa di assolutamente inedito, che cambierà per sempre gli scenari macroeconomici internazionali e noi, da semplici osservatori ed operatori di settore, possiamo soltanto preparare le vele ai marosi che stanno colpendo i fianchi della nostra nave.
Quando queste tempeste si concludono e torna la calma sui mercati, è buona norma fare una analisi su cosa abbia funzionato e cosa no, per affilare le armi per la prossima battaglia. Catalogando quegli elementi è possibile fare una mappatura delle caratteristiche che hanno determinato una maggiore o minore tenuta alle condizioni di mercato. 
Questo discorso ha particolare importanza se parliamo di sistemi genetici, ottenuti cioè, mediante una “vitaminizzazione” dei setup sistematici di ciascun trading system all’opera. Un sistema genetico è ottenuto mettendo uno contro l’altro migliaia di trading system, generati dalla macchina in modo pseudo-casuale, sulla base di una funzione di fitness o di ranking: semplificando possiamo salvare i sistemi che mostrino il miglior rapporto rendimento su rischio o una combinazione lineare di metriche più complesse. Durante tale processo, che ha a che fare con il modello di validazione (potete leggere della tecnica GSA nel mio nuovo libro in uscita ad aprile 2020) sopravvivono le regole di compravendita più adatte a conservare una buona fitness a discapito di quelle che non garantirebbero le medesime performance. Quello che si ottiene è un super-investitore in grado di sopportare forti variazioni delle condizioni al contorno.
Per fare un esempio pratico desidero mostrarvi cosa è accaduto ad un vecchio cavallo di battaglia che opera sul Crude Oil Future a 460 minuti.

Fig.1: Closed Equity Line del sistema “DeepDriller” sul grafico del Crude Oil Future a 460 minuti.
Fig.2: Open Equity Line del sistema “DeepDriller” sul grafico del Crude Oil Future a 460 minuti.

Si tratta di un sistema genetico particolare, che è stato vitaminizzato opportunamente per reggere alle fasi di elevata volatilità, anche con mancanza di direzionalità intraday. Come si vede non vediamo alcuno scossone durante il tracollo dei prezzi del petrolio. Se osserviamo un dettaglio possiamo apprezzare come le performance in tale periodo siano addirittura migliorate, pur essendosi diradati i trade. Un effetto di come tale sistema sia stato concepito.

Fig.3: Grafico del Crude Oil Future a 460 minuti e operazioni del sistema Deep Driller.
Fig.4: Metriche del sistema “DeepDriller” sul grafico del Crude Oil Future a 460 minuti.

Questo voleva essere solo un esempio di come è possibile fare ingegneria genetica sui trading system per esaltare o assopire alcune caratteristiche. Continueremo ad osservare il comportamento di tali sistemi anche nelle prossime settimane, per dare una valutazione più generale.

Have a good trade!

Giovanni Trombetta

Head of Research & Development Gandalf Project

AVVERTENZE: I contenuti di questo articolo (e degli altri contenuti in questo sito) e le opinioni espresse non devono in nessun caso essere considerati come un invito all’investimento.
Le analisi non costituiscono mai una sollecitazione all’acquisto o alla vendita di qualsivoglia strumento finanziario. Queste note hanno per oggetto analisi finanziarie e ricerca in materia di investimento. Qualora vengano espresse delle raccomandazioni, queste hanno carattere generale, sono rivolte ad un pubblico indistinto e mancano dell’elemento della personalizzazione.
Sebbene frutto di approfondite analisi, le informazioni contenute in questo e negli altri articoli possono contenere errori. Gli autori non possono in nessun caso essere ritenuti responsabili per eventuali scelte effettuate dai lettori sulla base di tali informazioni erronee. Chi decide di porre in essere una qualsiasi operazione finanziaria sulla base delle informazioni contenute nel sito lo fa assumendone la totale responsabilità.

DISCLAIMER: The contents of these notes and the opinions expressed should in no case be considered as an invitation to invest. The analyzes never constitute a solicitation to buy or sell any financial instrument.
These notes relate to financial analysis and investment research. If recommendations are made, these are of a general nature, are aimed at an indistinct audience and lack the element of personalization.
Although the result of in-depth analysis, the information contained in these notes may contain errors. The authors cannot under any circumstances be held responsible for any choices made by readers on the basis of such erroneous information. Anyone who decides to carry out any financial transaction on the basis of the information contained in the site does so assuming full responsibility.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.