Text Size
Tuesday, October 27, 2020
Area

Gandalf Store

Coding

Formazione

Consulenza

Golden Age: cronaca di un sistema che vince la prova del tempo

Leggere un articolo del nostro Marco Cogliati spesso dà più indicazioni operative che fare molti corsi di trading... e se proprio volete farne uno, potete sciegliere "L'Officina dei Trading System" in cui, direttamente da lui, potete apprendere il processo di creazione di un sistema in Easylanguage - Powerlanguage, elemento dopo elemento.

In questo articolo Marco racconta la storia in prima persona di un glorioso trading system su Gold future, progettato e tradato da anni e gestito con rigore. Cos'ha più degli altri sistemi scritti su Gold, Golden Age? E' stato scritto prima di tanti sistemi che affollano oggi la gremita schiera di trading system sul Gold, che sono dei semplici spinoff o varianti sul tema.

Non mi dilungo oltre e vi lascio alla lettura.

Giovanni Trombetta

Head of R&D Gandalf Project


di Marco Cogliati

Tra i trading system da me realizzati e proposti in passato con Gandalf Project, ve ne è uno a me molto caro: Golden Age.

Il sistema è in OOS oramai da più di 5 anni, affrontando le situazioni più variabili del mercato: alta e bassa volatilità, trading ranges, up trends e down trends. Il TS lavora su grafici di struttura daily, esegue tra le 40 e le 50 operazioni annue, poggia su alcuni Bias di mercato, sia di carattere tecnico che di stagionalità. Il Gold, come la maggior parte delle commodity, predilige entrate in breakout (bias tecnico) e ha una spiccata tendenza ad un rally nel fine settimana (bias stagionale).
Vediamo questi due aspetti nel dettaglio:

1. Breakout

Lavoro su barre giornaliere: compro sulla rottura del massimo precedente e vendo sulla rottura del minimo, vado avanti così in continuo stop & reverse. I risultati di questo primo approccio “grezzo” del mercato sono confortanti e danno una chiara indicazione che usando tecniche di breakout (comprando forza e vendendo debolezza) sono spesso dalla parte giusta del mercato. Di seguito l’equity prodotta da questo approccio, dal 2002 a oggi (ricordiamo che dal 2015 siamo in OOS).



Notiamo soltanto una lateralità per un periodo piuttosto lungo, circa 2 anni, nella zona evidenziata dal circoletto rosso (in quel periodo tutti i TS sul Gold hanno vissuto un periodo difficile).
Il Gold ha ripreso in pieno ora la sua natura di mercato di natura breakout.

2. Venerdi rialzista

“Ogni giorno è uguale all’altro, tutto può succedere”, si sente dire spesso dai traders. Dissento profondamente da questa opinione diffusa. Credo fermamente che, se ben usato, il Day Of Week sia uno strumento molto potente per filtrare segnali sul mercato o per prendervi posizione.

E’ il caso del Gold.

Di seguito il test relativo ai giorni della settimana, Compro il mercato in apertura e lo vendo in chiusura (1-5 indicano i giorni dal lunedì al venerdì).

Come si può notare, il venerdi risulta decisamente sbilanciato verso il lato lungo del mercato rispetto al resto della settimana, un bell’aiuto per sviluppare strategie automatiche. Questo è un Bias di lungo periodo, andiamo ora a vedere nel dettaglio il grafico relativo al venerdì.


E’ evidente che il suddetto pattern stagionale si sia affievolito negli ultimi anni, addirittura nell’ultimo periodo si è comportato in modo asincrono rispetto alla sua natura, così come lo aveva fatto in passato (le due zone evidenziate dal circoletto rosso).
Ciò non toglie la bontà e la robustezza del pattern stesso: queste sono tendenze che si verificano sui mercati da tanti anni, esprimono la loro valenza sul lungo periodo. Consigliamo pertanto di usarli principalmente come filtri per fare trading.

Comportamento di Golden Age

Abbiamo notato che due capisaldi (ve ne sono inseriti altri 5 nelle logiche del sistema) hanno lavorato abbastanza bene in OOS, in modo sincrono al mercato la logica di breakout (anche se con un lungo periodo di lateralità), a intermittenza il pattern del venerdì.
Anche con le altre logiche il comportamento è stato simile: nel lungo periodo le tendenze funzionano e continuano a farlo, nel breve capitano momenti difficili.
Vediamo ora la cosa più importante: come si è comportato il sistema?
Ecco i risultati ottenuti (tutti in OOS):


La cosa evidente è la crisi del 2019 del trading system, che sembrava essere arrivato al capolinea. Poi un’impennata improvvisa e di nuovo profitti copiosi.
Vediamo ora l’equity line ad operazioni aperte del sistema:


Analizzando nel dettaglio il 2019, ci accorgiamo che il periodo nero di Golden Age coincide proprio con il periodo di lateralità di cui ha sofferto il pattern di breakout: il TS prendeva una posizione Long su un allungo rialzista e puntualmente veniva stoppato, nella migliore delle ipotesi, o stoppato e invertito in altre, con conseguenze pesanti.

Tra In Sample e Out of Sample metti il controllo Equity

La valenza di questa analisi è data dal fatto che tutte le operazioni sono avvenute in Out of Sample: nessun aiuto per la macchina in fase di emissione del segnale di entrata.
Questo comportamento può capitare a qualsiasi TS: diffidiamo da equity line perfette. Lo sono perché i sistemi sono stati costruiti con dati certi e passati, ma ciò che ci riserva il futuro non possiamo saperlo. Come poter stare allora sul mercato (su qualsiasi mercato) usando una strategia automatica?

Non posso far lavorare un sistema, pur efficiente che sia, e sperare che non si rompa e continui a performare come in passato.
C’è bisogno di un controllo Equity, è indispensabile. Una sorta di Grande Occhio che a un certo punto intervenga per spegnere il sistema, che si sta allontanando troppo dalle sue metriche. Per poi eventualmente intervenire e ripristinare il tutto.
Non voglio addentrarmi troppo in logiche di Equity control, ne abbiamo tante e vi sono anche dei corsi dedicati (come questo tenuto dal mio collega Giovanni Trombetta "Sistemi di Equity & Performance Control)". L’importante è avere un controllo ed essere rigidi nella sua applicazione.
Personalmente quando sviluppo un sistema considero il lavoro finito solo nel momento in cui ho trovato il criterio migliore per controllare la sua Equity.
Diamo in pasto allora l’equity di Golden Age al suo Grande Occhio e vediamo che succede:



La linea azzurra rappresenta l’equity originale, la rossa quella filtrata con l’equity control.

L’immagine parla da sola. Come si può notare il TS ha smesso di lavorare molto presto: con questo controllo dopo un X numero di operazioni senza vedere nuovi massimi il sistema è andato in stand by ed ci è rimasto per lungo tempo! Si è riattivato solo quando l’equity ha prodotto nuovi massimi.
Anche controlli più semplici avrebbero funzionato, bande di volatilità, medie mobili con controllo della pendenza, etc: l’importante, lo ripeto è l'utilizzo rigoroso di un sistema di inibizione e riattivazione delle strategie.

Per concludere un dettaglio degli ultimi mesi di una applicazione di Golden Age ad unico contratto pieno su Gold Future: 

Credo e spero di esservi stato di aiuto, se avete bisogno di ulteriori informazioni non esitate a contattarci scrivendoci ad This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.!

Buon trading a tutti

Marco Cogliati

Sviluppatore Gandalf Project

Privacy & Cookies Policy

Questo sito utilizza i Cookies per migliorare la navigazione. Utilizzando questo sito e continuando nella navigazione si intende accettata la Privacy Policy e la Cookies Policy. Puoi bloccare in ogni momento questa raccolta di informazioni seguendo le istruzioni contenute in queste pagine.

 


 

Topics

Intelligenza Artificiale

L' Intelligenza Artificiale e le più moderne tecnologie di Ingegneria Genetica al servizio del Trading...

Read more...

Consulenza

Gandalf Project è sia un Laboratorio di Finanza Quantitativa che una Società di Consulenza...

Read more...

Python

La scelta di Python come codice elementare per la modellizzazione di ambienti complessi...

Read more...